Per vincere il Coronavirus CoVid-19 serve responsabilità da parte di tutti

1571

Spero di sbagliarmi ma tra mercoledì 25 e giovedì 26 della prossima settimana supereremo la Cina come numero di contagi di coronavirus CoVid-19 e saremo la prima nazione al mondo anche come contagi, oltre che come numero di morti positivi da Coronavirus!

Purtroppo una grossa parte della nostra popolazione è totalmente irresponsabile, non mette in pratica le raccomandazioni del mondo scientifico perché non ha capito bene quale è la posta in gioco. 

La posta in gioco è la pandemia con decine o centinaia di migliaia di morti.

Eppure sembrerebbe facile vincere la battaglia contro il virus il cui solo modo per sopravvivere è quello di passare da una persona all’altra. 

A questo proposito tento di spiegarmi più chiaramente: quando il virus infetta una persona e provoca una malattia grave, il virus muore con la persona infetta; oppure la persona infetta sopravvive, dopo 2 – 3 settimane produce anticorpi che legano il virus uccidendolo. Quindi quando un virus infetta una persona in ogni caso è destinato a morire.

L’unica possibilità del virus di sopravvivere, e quindi il suo scopo, è passare da una persona all’altra, unico modo per assicurarsi la sopravvivenza e vincere la battaglia contro l’uomo, che è un miliardo di volte più grande ma anche la specie biologicamente più evoluta sulla faccia della terra.

Purtroppo continuo a vedere troppe persone che vanno a fare la spesa al supermercato senza mantenere alcuna distanza di sicurezza, così come per i conoscenti che si incontrano per strada. Anche chi indossa indossa i guanti deve capire che non si possono usare per fare tutte le cose di una giornata: spesa, guidare la macchina, etc.

Voglio ricordare a tutti, nella maniera più semplice e dettagliata, con quali mezzi possiamo battere il virus (oltre al lavaggio delle mani che rimane il rimedio principale contro qualunque tipo di virus o batterio, le cui modalità sono state descritte in questo articolo clicca qui).

1. Distanziarsi dalle persone

Il virus non è capace di saltare da una persona all’altra se sono distanti; il passaggio avviene tramite un trasportatore come le goccioline di saliva emesse con la tosse o tramite gli starnuti.

Basta tenersi a distanza per non farsi prendere dalle goccioline (droplet) e non prendere il virus.

Questa è una misura importantissima.

Il virus passa anche attraverso la stretta di mano perché nelle mani sono presenti costantemente tutti i germi pronti ad essere trasmessi da una persona all’atra. Il lavaggio elimina questa possibilità di contagio.                                                                     

La Cina e la Corea del Sud hanno già vinto la loro battaglia tenendo distanti le persone. La Cina con la forza. La Corea del Sud tracciando i cellulari di tutti i coreani e intimando di separarsi tramite un messaggio quando le distanze tra le persone era inferiore al metro.

2. Un altro metodo è quello di proteggersi dal virus con delle barriere meccaniche sulle vie di penetrazione del virus che sono: occhi, naso e bocca: 

SOLO le mascherine FFP2 e FFP3 sono in grado di frenare l’ingresso del virus attraverso il naso e la bocca, ma sono poco utili se non si indossano anche una visiera e/o degli occhiali ermetici, per evitare l’ingresso del virus attraverso le congiuntive degli occhi. 

I guanti sono utili per eseguire determinate operazioni ma vanno usati per breve periodo e vanno tolti e buttati dopo avere terminato l’operazione. Non vanno tenuti per lungo tempo. Non vanno portati dal lavoro a casa o viceversa. Non vanno tenuti per guidare. Trasportano più germi delle mani che posso lavare ogni volta che voglio mentre i guanti no! 

In conclusione questa è una battaglia che si può vincere se ci rendiamo conto che le misure contro il coronavirus CoVid 19  sono necessarie e inderogabili; che i paesi con governi “forti” hanno già vinto ma che i paesi democratici dovranno vincere con la condivisione e la responsabilità e spero anche che queste poche righe siano state convincenti.            

Dott. Matteo Noto

Pediatra

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.