Il primo contributo palermitano è di Flavio Modesto, 12 anni.

Dal 1994 ogni anno il 5 ottobre si celebra la Giornata mondiale degli insegnanti per sostenere le organizzazioni di insegnanti di tutto il mondo, affinché i bisogni delle future generazioni continuino ad essere garantiti dai loro docenti.

I nostri redattori Flavio, Angelo e Matteo, ognuno a modo suo, ma in una comune visione provocatoria, hanno commentato il loro significato di educazione scolastica. 

La scuola…la cosa che mi verrebbe da dire è che è una grande noia. 

Molti insegnanti dovrebbero capire che è proprio la noia a rendere molte materie pesanti, sarebbe bello studiare con entusiasmo. Secondo me bisognerebbe inserire materie pratiche che possano aiutare nel mondo del lavoro, fare più lavori di gruppo per potersi sentire una squadra e dare così importanza alla collaborazione e all’aiuto reciproco. Per fortuna ci sono insegnanti che lavorano con passione e che rimarranno nel cuore perché appunto “hanno insegnato” non la semplice lezione ma valori che non si dimenticano. I grandi non ci ascoltano forse perché pensano che..

Continua a leggere sul giornale 2righe.it

La scuola deve cambiare!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: