Pizza alla pala

732

BIGA

  • – 500 gr farina Manitoba 
  • – 225 ml di acqua fredda 
  • – 5 gr di lievito di birra 

IMPASTO 

  • – 500 gr di farina a scelta (ai cereali, semi integrale, semola rimacinata)
  • – 480 a 570 gr acqua fredda dipende se impastiamo a mano o con planetaria 
  • – 10 gr di malto
  • – 25 gr di sale
  • – 50 gr di olio evo

La sera prima – impastare tutti gli ingredienti della biga e fare un impasto poco amalgamato, l’importante è che non resti farina asciutta. Mettere a lievitare in un contenitore chiuso a 18º circa per 18/20 ore oppure 12 ore a temperatura ambiente e 12 ore in frigo a 4°.

L’indomani – mettere in planetaria tutta la farina, la biga spezzettata, metà dell’acqua e iniziare ad impastare. Quando avremo un impasto omogeneo, aggiungere l’acqua a poco a poco quindi inserire il sale e per ultimo l’olio.

L’impasto dovrà essere liscio ed omogeneo. Fare lievitare per un paio di ore e poi porzionare in base alla grandezza desiderata.

Per stabilire la quantità necessaria per ogni teglia basterà moltiplicare base per altezza della teglia e dividere per 2 (es. teglia 40 x 50 metteremo (40 x 50)/2= 1000 gr). Se si preferisce una pizza più alta aggiungere un 10% al peso del panetto.

Una volta diviso l’impasto formare una palla liscia e non appiccicosa. Far lievitare nuovamente portando al raddoppio.

Stendere in teglia, a piacere mettere del pomodoro e cuocere a 220-230° per 15/20 minuti. Una volta pronta condire con mozzarella o ingredienti a piacere e ripassare in forno per sciogliere il formaggio.

Buonissima anche consumata bianca con olio e sale.

Previous article#BiondoBimbi: Pollicino
Next articleUna mamma per le mamme
Melania Guarneri
Sono una Bakery Chef ed i lievitati sono la mia grande passione. Preferisco realizzare i miei prodotti con l’utilizzo del lievito madre che ne caratterizza sapori e profumi. Sono nata in un ambiente dove l’amore, il rispetto per l’alimentazione e per i prodotti sani sono stati il fondamento della mia educazione familiare. Da bambina ho passato moltissimo tempo in cucina con mia nonna. I cibi biologici sono sempre stati presenti nella nostra tavola. Insegno presso “I corsi di cucina della Città del gusto Palermo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.